Cavitazione Medica

Cavitazione Medica

Cavitazione medica. Studio Medicina Estetica Siena Dr.ssa LucianoCosa è la Cavitazione Medica?

La Cavitazione Medica è una metodica utilizzata in Medicina Estetica per ridurre le adiposità localizzate e la cellulite, attraverso l’utilizzo di ultrasuoni a bassa frequenza in grado quindi di raggiungere il tessuto adiposo.
La Cavitazione Medica è un’efficace tecnica di rimodellamento corporeo soprattutto se inserita in un programma di dieta bilanciata e attività fisica.

 Cavitazione medica. Studio Medicina Estetica Siena Dr.ssa LucianoLe indicazioni?

Trattamento delle adiposità localizzate Cellulite. Le aree corporee trattate:

Addome (con particolare attenzione a non rivolgere la sonda verso le ovaie)
Fianchi
Glutei
Cosce
Ginocchia
Gambe
Caviglie
Braccia

Non deve essere utilizzata per trattare il viso, collo, mani, caviglie e piedi per la presenza di importanti componenti neurovascolari.

Trattamento

Prima di iniziare il trattamento si procede a misurare la circonferenza della zona da trattare. Il trattamento consiste nel passare sulla pelle della zona da trattare un manipolo speciale che emette onde di ultrasuoni a bassa frequenza che convergono all’interno del tessuto adiposo. La zona da trattare viene cosparsa con gel per migliorare la conduttività degli ultrasuoni.
Cavitazione medica. Studio Medicina Estetica Siena Dr.ssa LucianoL’azione degli ultrasuoni a bassa frequenza emessi dal manipolo e convogliati sulla massa grassa si manifesta con:

  • Effetto termico, aumenta la microcircolazione e il volume della cellule adipose;
  • Effetto meccanico, micro oscillazioni determinano variazione della permeabilità della membrana degli adipociti;
  • Effetto cavitazionale, provoca la formazione di microbolle all’interno degli adipociti che rompendosi permettono la fuoriuscita degli acidi grassi che, riassorbiti dal circolo linfatico, vengono metabolizzati dal fegato.

La Cavitazione, oltre all’azione principale lipolitica, ha come effetto immediato la distensione della cute trattata che appare più tonica ed elastica. Il riscaldamento del derma prodotto dagli ultrasuoni provoca la contrazione del collagene esistente e formazione di neocollagene che si manifesta con distensione cutanea. Si consiglia alla paziente di idratarsi nei 2/3 giorni precedenti il trattamento in quanto maggiore è il contenuto di liquidi nelle aree da trattare e migliore sarà l’effetto del trattamento cavitazionale. Per favorire e migliorare l’effetto cavitazionale è possibile infiltrare, con ago sottilissimo, il tessuto sottocutaneo da trattare con soluzione fisiologica sterile ed eventualmente farmaci lipolitici per potenziare l’effetto di riassorbimento dei grassi.

Le controindicazioni?

  • Gravidanza
  • Dislipidemie e patologie del fegato
  • Disordini della coagulazione
  • Malattie del tessuto connettivo
  • Portatrici pace maker o protesi di qualsiasi genere

In quanto tempo i risultati?

Il trattamento cavitazionale inserito in un programma di corretto stile di vita comprendente sana alimentazione e attività fisica regolare, permette di raggiungere ottimi risultati in un ciclo di 8-12 sedute a seconda delle caratteristiche della paziente e delle risposte individuali. Effettuando massaggi linfodrenanti intervallati a due sedute di cavitazione è possibile ottenere risultati più rapidi.